Home > Giocatori di slot machine

Giocatori di slot machine

Giocatori di slot machine

Capisci il perchè entrambe le affermazioni sono problematiche? Perchè in un certo senso sono vere entrambe, e false entrambe. Ebbene esiste una cosa che puoi fare anche senza decidere nulla, una cosa utile e facile, a portata di mano: Pensa a una persona alla quale non hai mai detto del tuo vizio, una persona che per te rappresenti qualcosa di importante, una persona che sia ancora viva. Ora pensaci il tempo che vuoi. Tutti i giocatori di solito tengono sempre il loro sporco segreto in un cassetto, vergognandosi delle proprie azioni. Prendi in mano il telefono, esci di casa… insomma contatta questa persona e dille molto semplicemente: Non aspettarti aiuto da questa persona, pensa solo che tu hai bisogno di parlarne con qualcuno.

Mi raccomando a questa persona non dovrai mai chiedere dei soldi, non dovrai mai metterla nelle condizioni di offrirti un prestito. Apriti con questa persona, poco per volta. Parlale se lei avrà voglia di ascoltarti. Non essere pesante… perchè se vuoi piangerti addosso esistono fior fior di psicologi che giustamente si fanno pagare per ascoltare i tuoi piagnistei e tue scuse. A questa persona, devi dare fiducia, senza aspettarti nulla in cambio. Perchè sarà la tua umanità a fare il resto. Il fatto di aver rivelato il tuo segreto, piano piano ti toglierà quegli schemi, quelle bugie che ogni giorno racconti a tutti.

Piano piano rivela a quante più persone riesci il tuo segreto, che diventerà sempre più enorme, sempre più bisognoso di essere risolto. Prima inizi e prima potrai ricostruire quella rete di legami sentimentali che ci rende umani. Non scomparirà magicamente. Perché in fondo ti hanno fatto credere che ogni essere umano per essere degno di questo nome debba fare cose straordinarie, cose uniche e grandissime. E tu invece hai una vita di merda, piena di debiti, di bugie… e di solitudine.

Un destino nel quale ci siamo messi da soli. Prendi in mano il telefono e rivela la triste verità a qualcuno. Ho impiegato 3 anni per intervistare e ascoltare giocatori patologici. Ciao Simone. Non so come aiutare mia madre, costantemente depressa e appagata solo quando gioca. Un rapporto ormai fatto solo di bugie. Non arriva a fine mese , le do i soldi per fare la spesa ma il frigo resta vuoto e le slot pieno! Non son come fare , mia mamma non esiste più. Il terreno più fertile nel quale le dipendenze crescono forti è rappresentato dalla solitudine e dagli affetti mal gestiti.

In un ambiente famigliare nel quale gli anziani vengono lasciati spesso soli o non hanno strumenti per socializzare, è facile che inizino a giocare sperando in una vita migliore. Ora che tua madre si annega nella dipendenza i tuoi sentimenti verso di lei sono più intensi che mai, perchè ti fa male sapere che la stai perdendo. La dinamica è complessa e non è facile da smontare. Di certo non te la cavi con un commento su un sito internet, dovresti andare a sentire psicologi bravi e soprattutto dovresti fare un grande sforzo per fare compagnia a tua madre, aiutandola a trovare hobby più costruttivi.

Queste persone devono imparare a gestire bene il loro tempo, impiegandolo in attività positive, sia dal punto di vista pratico che sentimentale. Devono sentirsi utili, e possono sentirsi amate. Solo in questo modo riuscianno ad allontanarsi dal falso impiego e dal falso affetto offerti dalle slot, dalle sigarette, dalla droga… ecc… un grande abbraccio. Ciao Alex mi fa molto piacere, un piccolo consiglio: Sempre indebitato, pensieroso, arrabbiato con tutto il mondo intorno.

Ora mi ritrovo con un lavoro da euro al mese e con una figlia da mantenere, un affitto da pagare e tutte le altre spese, agli errori si impara ma ho capito troppo tardi. Grazie del tuo artico sono 2 mesi che non gioco più e ti devo davvero tanto, ho incominciato la vita da 0 tutto da ricostruire sarà dura e tuttti ce la possiamo fare.

Non buttatevi la felicità dentro al bar ma nella gioia di uscire con un amico o una ragazza a divertirsi in bocca al lupo. Fino a quando ti giochi tutto fino all ultimo euro!!! Io ho mio marito e sinceramente nn so piu k fare h pensato anke al divorzio xke alzarsi ogni mattina x andare ha lavoro e poi arriva lui e si gioca il suo mensile nn e facile da sopportare perdoni una due volte ma lui continua e m da ank l colpa a me il bello k lui dice k con i suoi soldi puo fare cio k vuol e poi io cn eur k prend devo pagare l bolette e cercar di mandare avant l barracca m fino a quanto..

Dagli una mano quanto puoi io mi sto rovinando proprio per il fatto che a casa mia non ho più calore ho una donna che pensa a ben altro che pensare a me ho darmi calore ed io come uno stupido mi butto su qst roba siate le prime a stendere una mano inventarsi un escapotage e quello che è importante. Ogni dipendenza è una battaglia personale che bisogna vincere prima di tutto con noi stessi. Come vedi dalla risposta di Francesco, la testa di un giocatore è piena di scuse e piena di colpe verso gli altri. Fatti forza e smetti totalmente di dargli soldi, se diventa cattivo rivolgiti alle autorità.

Dimostra a lui ed a te stessa che almeno una dei due è forte e non cede di fronte alle scuse ed alle facili accuse. Ciao Francesco. Non puoi delegare agli altri la responsabilità della tua dipendenza. La devi curare, ci sono gli strumenti ed i metodi es. Il calore degli affetti te lo devi guadagnare. Curati prima di tutto per te stesso. E soprattutto stai attento, con queste idee rischi di fare del male a tutte le persone più care che hai vicino. Ho cominciato con pochi euro e poi… aumentavo ad ogni weekend la quantità di denaro perso. Leggendo i post precedenti, condivido quello che è stato detto sui gestori delle slot dei bar…. Ho creato in pratica una specie di sfida personale, cercando di resistere il più possibile alla tentazione del gioco e questo espediente mi ha aiutato a smettere.

Ti aiuterà a capire meglio il tuo impulso e a controllarlo. O meglio anche a indirizzarlo verso momenti di vita più costruttivi. Mi ripeto ogni giorno di smettere …con scarso successo…ma perchè si pensa solo al profitto e non si guarda che le famiglie si sfrantumano.. Prova invece ad iniziare qualcosa di nuovo. Persino il modellismo costa meno del tuo attuale vizio! Chiediti invece: E so benissimo Ke le macchinette sono tutte manomesse Xke so che alcuna dopo la chiusura aprono le macchine e vedono quanto ha incassato e se ha incassato bene loro c giocano e vincono, a torino un gruppo di ragazzi hanno nascosto una microcamera in un bar cinese e hanno visto Ke dopo la chiusura ci gioca il propietario.

Hanno denunciato ma il cinese e le sue macchinette sono sempre al suo posto. Purtroppo nessuno è perfetto. Io ho scritto questo articolo intervistando persone e chiedendo anche a me stesso quali sono le mie debolezze e quali sono le mie scuse. Grazie per la tua esperienza e buona fortuna con tuo fratello! Una delle cose che richiedono la massima attenzione per una persona con la malattia del gioco è renderci conto della cosa più semplice del mondo.

E cioè che non si piange sul latte versato. Ho distrutto la mia vita in 5 mesi. Ciao Alessandro grazie di cuore. Mi dispiace di tutto quello che ai passato ma ti ringrazio della tua testimonianza cerchero di farne tesoro. E se non riesci a portare a galla quel dolore addormentato? Ciao ragazzi,sono Andrea. Ho 39 anni, un passato da cocainomane ed un presente che dura da molti anni da giocatore. Inutile raccontarvi le scuse e le stronzate che raccontavo a mia moglie per nascondere gli ammanchi.

Non parlo di cifre perché son relative anche se per me son tanti. Mi son trasferito di regione per cambiare vita e mia moglie mi ha seguito. Ora tiene tutto lei ,mi da qualche soldo x le sigarette e le necessità quotidiane ,ma il mio bancomat e la mia carta di credito sono sequestrate. Più volte ho pensato di farla finita,ma sarebbe doppiamente vigliacco sia per me che per la gran donna che ho con me. Ho pure scritto una lettera al presidente del Senato che é da sempre sensibile alla tematica. Un abbraccio a tutti e non,é mai tardi per smettere di essere dei pirla: Quello che voglio raccontare a voi giocatori che state leggendo ora è il mio percorso.

Non vi dico la cifra che ho perso da una settimana in qua perché è troppo alta! Sto lottando da anni con questa malattia. Sono andata dai giocatori anonimi , al SERT dove uno psicologo mi ha seguita per un anno e poi mi ha detto che sono guarita e che oramai il gioco me lo sono lasciato alle spalle. Mi ha detto di iniziare un percorso a pagamento nel suo studio. Oggi come oggi non so più cosa fare. Non so più a chi chiedere aiuto e dove scavare in profondità della mia anima tormentata e sola. Io non so più come combattere! Le persone ti aiutano fino ad un certo punto poi si aspettano che tu le dia in cambio qualche cosa.

Penso tutti i giorni a come fare e quando riesco a smettere per qualche giorno arriva qualche evento che mi destabilizza portando me nella sala bingo. Non so più a chi dirlo lo sanno tutti! Ho detto a chiunque del mio problema la verità che nessuno ti vuole o puo aiutare. Io sto provando a smettere da più di 6 anni e sono veramente stanca. A chi posso raccontare il mio dolore , la mia disperazione?

Prego a Dio , agli angeli e alle persone che mi aiutino. Mi alzo alle 5: Per pagare tutti i miei debiti ci vorrebbero anni. A volte mi passa per la testa di scappare , di cambiare paese parlo fluentemente 4 lingue quindi non sono una stupida eppure ci sono cascata! Non abbandonate i vostri famigliari voi che non siete giocatori , aiutate loro con il vostro amore!

Io che sono sola al mondo non so cosa darei per avere una famiglia che mi possa sostenere almeno moralmente. Spero con tutta me stessa di trovare una soluzione! Vi prego datemi un consiglio perché ho preso le forze e il coraggio! Faccio fatica a trascinare il mio corpo al lavoro e a casa , faccio fatica a respirare , fatica a perdonarmi e andare avanti eppure sono qui a scrivere per dirvi che mi rialzo e riprovo! Voglio vivere io e voglio stare meglio è solo che non so come fare e con quali armi lottare. Vi ringrazio di cuore! Se hai fatto un anno in terapia disponi già di tutte le armi possibili. Se ti serve staccare e trovare uno spazio in cui il mondo si ferma e ti rilassi… è naturale!

Qualcosa di più grande di te. Qualcosa per cui lottare. Ciao alla prossima! Ciao…volevo sapere secondo voi a parte togliere le slot cosa servirebbe per aiutarvi davvero? Le slot sono disegnate e progettate ,programmate a doc per intrappolarti. Il fatto di averle messe nei luoghi comuni, vuole dire massimo guadagno. Nei luoghi di vita quotidiana il gioco è proibito. Trasferisciti dove i giochi non ci sono. Unica soluzione secondo me. E visto che il gioco è un potente anestetico, ricadere a distanza di anni e un attimo. Trasferisciti dove non ci sono e con gli anni si dimenticheranno le slot.

Dimenticavo nei civili paesi usa,UK, Australia, Francia, ecc. Cosa impossibile in Italia considerati gli innumerevoli luoghi di gioco. Io personalmente sono contrario ai Sert sono paliativi non risolvono definitivamente il problema. Uguale e con le slot. E come le prostitute per strada guadagno maggiore rispetto ai casini. Grazie della risposta. Ho fatto meditazione , ho fatto sport è che ora sono stanca. Il gioco mi ha stremata a tal punto di sentirmi incapace di fare più tutte queste cose. Obiettivi non riesco ad intravedere perché vivo costantemente nella paura di non riuscire a smettere di giocare. Gestire le mie emozioni è talmente difficile.

Sono molto sensibile e per non avere reazioni esagerate mi chiudo in me stessa. È brutto stare al mondo e nonostante ci siano tante persone intorno sentirsi soli. Voglio sperare che qualcosa scatti dentro di me e farmi tornare alla vita. Voglio imparare a perdonare me stessa e a volermi bene. Il fatto è che troppe persone mi soffocano con la loro imposta presenza. Posso invece sfruttarlo per stare in un paese dove non ci sono i giochi e dove posso stare per conto mio a pensare o meglio a non pensare, a fare quello che voglio e mi fa stare bene. Perché da qui voglio ripartire. Penso tutti i giorni a qualcosa per qui lottare e trovo solo la vita un giusto motivo per cui farlo.

Una vita normale con alti e bassi , una vita che sia la mia. Ti ringrazio per la risposta , conta molto qualsiasi consiglio per me. Alla prossima! Ciao Bianca, il tuo discorso mi sembra molto bello e sincero… fai solo attenzione ad una frase che hai scritto: Vedi, non è stata la fortuna, sei stata tu, con le tue scelte e con la tua forza. Se mettere da parte i risparmi è uno strumento che ti aiuta… fallo! Ma non credere mai che sia stato merito altrui, nel male e nel bene, siamo sempre noi i responsabili delle nostre sconfitte e delle nostre vittorie.

Goditi questa vittoria, buon viaggio! Grazie dell attenzione spero che la tua risposta possa aiutarmi a cambiare e riprendermi la mia vita. A 22 anni secondo me sei un uomo, e come tale devi iniziare a considerarti. La paura del giudizio di tua madre e della tua ragazza non deve scalfirti, piuttosto… pensa che verso di loro hai delle responsabilità. Le stesse responsabilità che hai verso te stesso.

Ci sono poche cose da fare: Comincia a costruirti, intanto, un obiettivo per i prossimi anni. Qualcosa che potrai fare coi soldi che ti terrai in tasca, qualcosa di utile, qualcosa di responsabile. Volevo farti un ultima domanda pensi che potrei riuscire a smettere solo con l aiuto di me stesso senza dott sert ecc ecc? Credo ci sia sempre il forte bisogno di dire a noi stessi che stiamo lottando contro una difficoltà piuttosto che lasciarsi andare e non far nulla, o dare la colpa allo stato o al brutto tempo…. Puoi iniziare a fare qualcosa che tu ritieni utile per migliorare la tua situazione, e avere un obiettivo da perseguire tutti i giorni. Se hai paura di andare dallo psicologo, sert ecc..

Se tu hai un obiettivo chiaro, come per esempio mettere da parte i soldi che stai giocando oggi, per farci qualcosa di utile domani, allora queste persone in cambio di una parte di quei soldi ti aiuteranno a mantenerti in riga, dandoti sostegno o obiettivi raggiungibili. Per cui anche solo una visita che ti possa far avere una diagnosi della situazione ti sarebbe utile per capire se vuoi iniziare un percorso con uno specialista o se ti senti forte abbastanza per provarci da solo.

Bravo Simone! Il Sert è gratuito e offre un ottimo aiuto. Io ho giocato per 5 anni di fila e da altri 6 anni che combatto questa malattia! Vorrei dire questo a Paolo: Quanto a me , sono in vacanza e sto scoprendo un altro mondo! Mah allora dove erano finite le mie di emozioni? E la mia di sensibilità? Ecco oggi ho capito che per venirne fuori dal gioco io devo Vivere ed Emozionarmi! Gioire di avere la salute , un lavoro , un Bell sorriso! Vi auguro le migliori cose!

Grazie Simone! Sto cercando di convincerlo e lui dice di volersi fare aiutare ma secondo me non lo vuole davvero perché ogni tanto ci prova a dirmi che ce la deve fare da solo. Cosa devo fare? Vorrei aiutarlo ma dentro di me so che non ne uscirà mai! Cosa devo fare devo ascoltare mia madre e abbandonarlo? Sono confusa. Secondo te Simone è sbagliato che io continuamente gli do i soldi per ripagare agli errori che fa? Questo potrebbe essere un modo per farsi approfittare del mio amore e della mia bontà? Che cosa devo fare? Penso che non ci sia niente di male ad aver contratto una malattia.

Stessa cosa spero potrà capitare in futuro con le malattie psicologiche. Il fatto che tu dia soldi invece aumenta il problema perchè gli consente di andare avanti nelle sue credenze, che sono spesso basate su leggende metropolitane e false illusioni di vittoria impossibile. É da un Po che Cerco testimonianze e finalmente ho deciso di scrivere. Io e lui ci amiamo tantissimo ma abbiamo un unico problema: Quando lui lavora di pomeriggio e non ci vediamo io riesco a stare senza e non vado da sola assolutamente.

Il punto è che ho capito che se perdo 20 o mi sento male nello stesso modo e mi fa male che i soldi che lui si guadagna deve buttarli li. Vorremmo uscirne da soli, vorremmo essere liberi perché finalmente potremmo stare bene davvero. Non so come fare! Non mi prendono…É il bingo di pomeriggio che mi prende…Voglio essere libera! Ciao Anonima. Purtroppo è una dipendenza. Quando si inizia a giocare viene una fame che non si sazia , neppure con le vittorie.

Perchè rende impossibile alle persone il regolare svolgimento delle loro vite. E quel motivo di vita… tenerselo stretto. Ho 32 anni,iniziai a giocare per caso il giorno di una finale di champions league,con 10mila lire presi 80mila. Ora sono passati 16 anni e ora mentre vi scrivo sono appena tornato da una di quelle sale maledette. Io gioco a tutto,scommesse,slot,cavalli,lotterie. In 16 anni avrei potuto mettere da parte una fortuna e invece oggi mi ritrovo a contare i giorni che mancano alla fine del mese. Sono un papà separato,ho avuto un periodo in cui sono riuscito a smettere 1 anno di fila ,ma poi ci sono ricaduto.

Ma poi come capita a tutti ci sono ricaduto. Potrei usare la scusa di aver perso il mio primo figlio a 3 anni a causa di un tumore,ma sarebbe una bugia perché quello sicuramente influsice,ma la verità è che io giocavo prima e ho giocato dopo. Qui riesco a scrivere solo verità ma il mondo è fuori…e fuori riempo di palle tutti psicologi inclusi. Ma a me stesso non so mentire e so che la causa sono io. Ho sempre giocato con i miei soldi.. Perché significa che so ancora delineare i confini ma mi spingo sempre a toccarli…potrei fermarmi prima e ogni mese sembro riuscirci e andare meglio ma poi sbrago del tutto.

Non so se la mia è una proposta idiota. Non so di dove siete. Io sono di Roma,potremmo provare noi stessi a vederci e creare un gruppo per raccontarci settimanalmente tutte le nostre disavventure e tutte le nostre storie. Vorrei riprendere quel farmaco.. Farmaco a vita? Ad ogni modo il mio buon proposito di chiudere stasera una volta per tutte io lo scrivo.

È la prima volta che lo faccio pubblicamente. Sarà vero? Se non mi sentirete,forse,sarà perché quel click finalmente è scattato e non grazie ad una fottutissima pillola. Ciao a tutti , ciao Simone. Vorrei tanto leggere che qualcuno ha smesso di giocare e che sta bene. Purtroppo non è facile smettere ed io per non rovinarmi più di tanto gioco a 10 e lotto ogni tanto. Giocare anche pochi euro mi da soglievo , perché astenersi a lungo non è facile! A me fa tanta paura il pensiero di non riuscire a venirne mai fuori!

Accetto la mia malattia e non uso più la forza per combatterla. Io cucino per amici , faccio lunghe passeggiate con il mio cagnolino , canto sotto la doccia , mi fermo a chiacchierare per strada con la gente e do sempre il mio aiuto a chi posso anche se per un indicazione stradale.. Io che ho frequentato i giocatori anonimi ho notato che sono cerchi chiusi , tutti amici tra loro che se ne fregano di quelli nuovi! Per questo non funzionano. Chiunque legga questo articolo spero che lasci un messaggio che possa aiutare qualcuno.

E a chiunque non ha mai giocato le direi: Vi auguro buon proseguimento! Ciao Bianca, grazie per la tua testimonianza. Occhio a quando dici che giochi per avere sollievo, è un piccolo segno che ti è rimasto ancora qualche dettaglio da sistemare. Per il resto, penso che questi luoghi di aggregazione per ex-giocatori, ci siano già… altrove. Ok parlare della propria sfiga, ok parlare delle sconfitte come fanno spesso quelli che si confessano qui ma sinceramente io penso che sia più utile vivere la vita: Inizia a cercare! Ciao Pippo, sono daccordo.

In qualsiasi modo vengano tirati in ballo i soldi, non è un gioco sano. Oggi mi sono rovinato e non so come dirlo alla mia famiglia. In due anni con vincite superiori ai euro ho fatto i conti ho perso , nelle ultime due settimane ho vinto oltre euro e mi ritrovo che domani devo pagare senza avere un euro in tasca, non so come fare. Ho prestiti ovunque e la mia famiglia non sa nulla. Ho prosciugato tutto il loro patrimonio a loro insaputa..

Devo ritornare a vivere e ritrovare me stesso, ritrovare chi ero. Prima di giocare alle slot non avevo mai chiesto nemmeno un bicchiere di acqua a nessuno, ora chiedere soldi a chiunque è la cosa più normale del mondo per me. Mi hanno trasformato e rovinato, sia a livello economico che a livello umano.. Diventa la tua vita e vivi per esse…. So di essere malato, ma per quanto mi sforzi di chiedere aiuto alla mia famiglia, mi blocco e ci giro intorno al discorso, dicendo a loro che voglio cambiare vita. Mi sono dato dei limiti, tipo non uscire e evitare certi bar. Ma quella volta che esco ci ricasco. Ormai ho perso tutto e mi sono fatto dei debiti. Su questo sito puoi trovare un esempio di un programma di recupero.

Qualsiasi cosa ti dicano al centro di recupero per giocatori patologici ti consiglio di eseguirla alla lettera. Come sempre, non ti auguro buona fortuna perchè come avrai capito… non esiste. Perchè in fondo quando stiamo bene e quando siamo in contatto coi nostri cari, siamo forti. E raggiungiamo i nostri obiettivi. Ciao ragazzi, mi chiamo Ciro, leggendo questo articolo 2 mesi fa, ho pensato: Perché non devo arrivare nemmeno al quinto giorno del mese, allora mi son detto come ne sono entrato devo uscirne da solo, i soldi me li sudo come ognuno di noi, perché buttarli via?

I primi giorni è stato difficile, non guardavo nemmeno le macchinette quando entravo al bar per comprare le sigarette, adesso quando entro e sento anche qualcuno che scarica dei soldi penso, chissà quanto ci ha messo, sperando che abbia recuperato qualcosa e che un giorno smetta anche lui di giocare. È troppo bello entrare in un bar e non pensare a quale macchinetta giocare, uscire con i soldi in tasca cosa che prima non accadeva, anzi si ricorreva sempre al continuo prelievo di altro denaro..

Spero che anche voi troviate la forza dentro che ho avuto io senza dover ricorrere a psicologi o altro, ma solo se vi rendete conto dell effettivo problema e ne capite le ragioni potete uscirne con tranquillità, credetemi è più facile di quel che si pensa, basta solo volerlo davvero.. Un caro saluto a tutti, vi auguro un immediata guarigione da questa malattia. Abbiate fede in voi stessi. Caro Simone ho iniziato a giocare alle slot quando avevo 13 anni quindi ben 5 anni fa. Ora è una malattia sono convinto di essere malato. Ho squagliato oro rubato dai bussolotti e tante altre cose schifose. Mi sono rovinato con quelle cose.

Prima di rovinarmi del tutto potresti darmi qualche consiglio su come uscirne senza ricorrere allo psicologo o ad altri dottori? Non voglio considerarli perché ci sono entrato io e voglio uscirne io da solo. Grazie e buona serata. Questa idea di volercela fare da soli è una totale cazzata scusa il francese. Il primo passo se vuoi uscirne davvero è andare dai tuoi parenti e metterli al corrente della tua situazione.

Poi sceglierete assieme uno psicologo o potrai andare al SERT. Ma la chiave di tutto il problema è riallacciarti in modo profondo coi tuoi parenti. Ciao a tutti gioco e spero di dirè giocavo perché è un mese che nn gioco.. E alla fine mi son rotto il cazzo perché potevo dare a mia figlia una vita migliore nonostante nn le manca niente cmq.. La soluzione del portafogli in mano agli altri è altrettanto concreta e utile, tuttavia non potrà essere definitiva.

Prima o poi quando ti sentirai pronto potrai anche fare altri passi avanti e trovare in te la forza di trovare un modo migliore di dedicare il tuo tempo e il tuo denaro. Il problema è che in quel periodo ero una promessa del calcio del mio paese,tutti mi lodavano,sia per doti fisiche,tecniche, che umane. Purtroppo,sia per un carattere molto timido,sia per questo cazzo di dipendenza dal gioco, ho fallito con il calcio.

Ora non lavoro più,mi sono licenziato, voglio dare una svolta alla mia vita, ad Agosto inizio la stagione con la prima squadra del paese che milita in serie D , voglio spaccare tutto!!! Io se fossi in te sentirei una forte pressione da parte delle aspettative degli altri. Ok la voglia di farcela, OK la voglia di ricominciare ma attenzione… la prima droga è comunque il bisogno di sentirci perfetti, superiori, sempre vincenti. La cosa che ci insegna bene la dipendenza dal gioco è imparare a perdere. La situazione è cambiata nel quando dopo aver vinto 1.

Adesso ho deciso di dire basta ma vorrei chiederVi se è possibile continuare a giocare cercando di tornare ad un gioco più accettabile ovvero senza perdite importanti: Vi prego …una risposta urgente…. Ciao Tommaso, la differenza fondamentale tra gioco socialmente accettabile e gioco patologico è quello che sei disposto a perdere per continuare a giocare.

Se per giocare metti a rischio o rinunci a pezzi di vita, rapporti con le persone, lavoro ecc… i soldi passano in secondo piano. Ti consiglio di fare il test che trovi sul sito di GiocaResponsabile, mette in relazione vari momenti della tua giornata e gli impulsi di giocare che arrivano e al termine ti da una valutazione di massima sul tuo stato attuale. Ciao a tutti, sono Mauro e scrivo da Roma, ho iniziato a giocare nel , prima le comma 6 e poi le VLT, ho lavorato per molti anni nelle sale slot come sicurezza, conoscevo tutti e tutti conoscevamo me, li vedevo per ore ed ore fare sempre la stessa cosa, giocare.. Per me quello della sicurezza era un secondo lavoro e nn riuscivo a capire dove trovassero tutto quel tempo per trascorrerlo il una sala….

Ho iniziato anche io…già…mi sono ammalato di onnipotenza, non chiamatela ludopatia, piuttosto chiamatela onnipotenza del furbo…ovvero di chi pensa che con pochi soldi se ne possano fare molti…avendo molta disponibilità economica penso di aver giocato intorno ai duecentomila euro più una sessantina di quelli vinti e rigiocati…. Nn giustifico nessuno di tutti voi come nn giustifico me stesso, giochi perché ti piace, senza cercare il significato più recondito delle nostre azioni…si gioca perche ci fanno gola i soldi ….

Ciao, La macchinetta mi ha completamente distrutto! Ero sposato con una bellissima donna e avevo una bellissima figlia che non vedo da 10 anni. Il gioco mi ha fatto perdere tutto! Ho preso anche me stesso. Adesso vado in giro senza neanche un euro. Mio stipendio va direttamente a mio fratello per pagare i miei debiti e le bolletti mensile.

Se voi smettere di giocare deve smettere di andare in giro con i soldi. Soldi e la macchinetta sono una copia inseparabile. In bocca al lupo ragazzi!!! Ciao Manzoni, grazie per la testimonianza. Mi chiedo quante di queste storie dovremo ancora leggere prima di vedere un movimento serio e capillare di rimozione delle slot. Con questo post nn voglio essere arrogante o cattivo con i giocatori, personalmente credo di conoscerli abbastanza… si. Anche loro precipitati nel vortice delle vlt, quelle nn le controlli, sono feroci e ti levano tutto…. Ciao Mauro grazie di nuovo per il tuo commento, purtroppo ognuno ha i suoi motivi e soprattutto le sue illusioni per continuare a buttare la vita nelle macchinette.

Simone sei una brava persona, nn devo insegnarti nulla… ma ahimè, il mio punto di vista e quello. E penso: Poi torno in auto e prendo gli altri nel portafoglio. Ora mi chiedo: Avrei potuto comprare una casa. Mi son mangiato i risparmi di una vita. Mi vergogno di me stesso. In tutti questi anni ho buttato via un sacco di tempo e denaro. Voglio smettere una volta per tutte, accettando la sconfitta e iniziando una vita nuova. Altrimenti non riesco ad uscirne. QUANTI soldi ci saranno dentro se ogni volta che abbiamo degli euro in più e che vogliamo giocarci , invece li infiliamo nella scatola????

Soldi che avremmo buttato nel cesso? Credo ,comunque, che ci siano persone messe peggio di me,perché vedo con i miei occhi le banconote che infilano nelle vlt……. Scusatemi per il mio sfogo. Ciao Anonimo, pubblico questo tuo bel messaggio anche se è identico, nella sostanza, a quello di tutte le altre persone. Che tu abbia perso euro o Perchè il gioco sta in piedi solo perchè qualcuno ci guadagna, e quel qualcuno non siamo noi.

Dopo 6 anni di attesa siamo riusciti a metterci insieme un anno fa, è un uomo meraviglioso e lo amo tantissimo ma ho scoperto k ha questo grande ed insopportabile vizio delle maledette Slot. Dopo aver cercato di farglielo capire in pace sono arrivate le litigate al punto di dirgli k se tornava a giocare fra di noi era finita, invece lui ha scelto di restare con le macchinette. Mi dispiace solo vedere come se rovina la vita, e come perderà una delle uniche cose belle k ha. Io ho perso le speranze. Ciao a tutti spero che questo commento potrà far riflettere tutti voi e me stesso. È una forte dipendenza da 2 anni a questa parte, quando ovviamente ho avuto la mia prima vincita importante.

Da quel giorno si è scatenato in me qualcosa di indescrivibile ed incontrollabile. Ho bisogno di una dose ogni giorno o quasi! Inutile dirvi che tutto quello che ho in tasca e di reperibile in quel momento finisce tutto dentro la slot o sito online che sia. Nella mente mi si innesca un meccanismo di scuse surreali!!

Provo immensa vergogna per tutto questo ripetendomi ogni giorno di non commettere più gli stessi errori.. Cerco di farmi forza pensando ai sacrifici di mia madre o a tutte le cose belle che ho e delle quali mi sto privando, ma questo infame di gioco vince sempre!! Ho provato anche ad iscrivermi al sito gioca responsabile ma dopo il secondo appuntamento con il terapeuta non li ho più chiamati, mi sentivo ancora più male, più malato più pazzo.

Di sicuro leggere questi commenti mi ha motivato e anche spaventato molto per quello che potrebbe ancora accadermi Buona fortuna a tutti.. La malattia è una cosa positiva, ci fa imparare molto su noi stessi e ci da la possibilità di tornare sani, equilibrati. Ciao a tutti, sono un ragazzo di 24 anni e gioco da quando ne avevo Quello che volevo trasmettere come messaggio e come riflessione è semplice..

Pur vincendo.. Chi gioca tenterà sempre di aumentare i propri limiti,di scommettere piu di quello che possa e appena avrà vinto qualcosa….. Di fatto siamo esseri umani dotati di intelletto… che senso ha giocare.. Sono fermo da 3 ore su questo blog e ho letto e riletto ogni testimonianza. Grazie Simone per questo blog e per la possibilità che dai a tanti di noi di confrontarsi e capire qualcosa in più su questo tragico problema, saluti.

Per avere una comunicazione pubblica degna di questo nome servirebbe dire che è statisticamente impossibile vincere se si gioca per un periodo medio-lungo. Ciao Simone, mi chiamo Salvatore e ho 20 anni.. Ciao Salvatore, è un piacere. Qualsiasi dipendenza cresce rigogliosa dove i sentimenti sono assenti o ignorati. Bellissimo blog!! Io sono la fidanzata di un maniaco casuale di giochi e azzardo, dico casuale perché non ha mai una lira e quando ce l ha una somma più grossa se la gioca tutta.

In questi 2 anni, ogni mesi gli viene la voglia di buttare sui euro. L ultima volta è stata una settimana fa quando si è giocato piu di euro piu qualche buffo, si e giocato tutto: Mi ha giurato che non lo farà più.. Vi dico solo una cosa maniaci che siete: Quanto ci vuole a dire di no!! Ho capito che volete recuperare i soldi oppure avete i buffi fino al collo ma se non smettete adesso le cose andranno solo a peggiorare! Siete esseri umani con la capacità di agire, pensare e decidere.

Siamo in un paese libero dove solo voi scegliete le vostre condanne. Se volete essere LIBERI abbandonate questo vizio altrimenti rimanete schiavi del governo e delle vostre amiche scommesse, macchinette, bingo ecc!! Ciao Amy, ti racconto una storia. Lui e io condividevamo gli alloggi del personale, quindi avevo occasione di passare con lui molto tempo sia negli orari lavorativi che nel tempo libero. Una sera a settimana tuttavia andava dai suoi amici cinesi, tornava ubriaco e senza un soldo in tasca.

Quello che vinci, lo rigiochi per lo stesso motivo. È un circolo vizioso. I giocatori patologici sono mila, oltre 12mila quelli attualmente in trattamento, almeno un milione e mila quelli a rischio. Ma il rischio che diventi una patologia è drammaticamente reale. Poi è arrivata la prima vittoria: Prelevavo euro alle Sono riuscito a spendere euro in una sola serata. Riuscivi a tenere nascosta la tua dipendenza?

Avevo maschere per tutte le situazioni. Rubavo soldi in casa, dal portafoglio di mio padre. Vendevo in nero i prodotti che dovevo vendere sul lavoro. Ad un certo punto la bolla è scoppiata. Mia mamma nel frattempo si è ammalata di tumore, ma ha continuato ad aiutarmi. Mio papà non mi ha più parlato. Ho smesso di giocare per un periodo, poi un giorno ci sono ricascato: In cinque anni Mattia ha perso mila euro. Una slot ogni abitanti contro i della media nazionale. Il gioco è ormai un ricordo lontano per Mattia.

Ho ripreso il rapporto con papà. Ero diventato un pezzo di carne vuota, era tutto annullato in me, anche la percezione del pericolo. Ero teso, aggressivo, ansioso. Non ero più una persona normale. Ogni tanto cerco di pensare a come dovesse essere la mia faccia 11 mesi fa. Commercianti, dirigenti, giovani con una famiglia agiata alle spalle. È proporzionale, spiega Corteccioni: Perché tante persone ci inciampano? Famiglia benestante, un nonno che per dimostrargli affetto lo riempie di soldi, finché un giorno il barista sotto casa lo invita a giocare alle slot: Ho messo 2 euro e ne ho vinti A 18 anni sono passato alle videolottery e mi sono rovinato: Andavo nelle sale ogni giorno.

La motivazione? Il gioco mi ha fatto perdere ogni cosa. Una lunga e costante dipendenza, di quasi 20 anni. Quando ho vinto 1. Avevo 22 anni. Le slot erano nel bar in cui lavoravo: Facevo tappa anche nelle sale durante il tragitto bar-casa. Il brutto arriva quando perdi i soldi e giochi ancora per recuperarli. Ogni mese se ne andavano almeno 1. La vita si sdoppia, e inizi a mentire a chi ti sta più vicino, racconta Luca: Ti rendi di conto che stai facendo una cosa sbagliata, ma speri di risolverlo da solo, speri nella prossima vincita.

Poi inizi a perdere il senno. Lei mi ha aiutato per cinque anni ancora. Poi ci sono ricaduto, e mi ha lasciato. Tutta la mia vita era diventata un automatismo, senza emozioni. Un esempio banale, ma ci penso spesso adesso che sono in cura qui a Pavia: E il tempo con le mie figlie? Giocatori in una sala giochi davanti alle slot machine foto di Ivan Sarfatti. Anna, 84 anni, viene qui da Un giorno ho vinto 2. Perché viene?

Le bugie che si racconta chi è dipendente dal gioco e non vuole ammetterlo by rrr

Tutto iniziò per caso pochi mesi dopo il triste evento, bar sotto casa per il solito caffè, Slot Machine impeccabile in pole position, un'amica inserì lire e ne. Ma chi sono i giocatori d'azzardo patologici? E perché lo diventano? Cosa succede davanti a una slot machine? Viaggio nella testa di chi si. Un cinquantenne racconta il suo dramma: dalle carte con gli amici alle " macchinette": "Ora sto cercando di disintossicarmi". Se vuoi sapere come smettere di giocare, potrebbe esserti utile il mio elenco delle bugie (o meglio delle scuse) che si raccontano i giocatori delle slot machines. La mia storia di giocatore patologico inizia nell'anno con le slot machines. Ero anche in precedenza un giocatore, ma le giocate erano il. Sono un ex giocatore delle slot machine e scrivo questa lettera aperta Se fai parte dei giocatori abbi il coraggio di ammettere a te stesso che. Una nostra ricerca mostra che i migliori giocatori vedono il giocare ai giochi da casinò e in particolare alle slot machine, come una divertente.

Toplists